Alba Virtual Trail. Successo per la prima gara Nazionale in sicurezza.

Alba Fucens– Sono stati 21 i podisti che hanno preso parte alla gara denominata 1^ Alba Virtual Trail, che si è svolta nel weekend ad Alba Fucens.

La gara, corsa su una distanza di Km 10.8, è stata organizzata dall’USA Avezzano in collaborazione con il comitato regionale Fidal. Un evento innovativo che si è svolto nel rispetto delle regole sul distanziamento, che non consentono partenze in massa.

La manifestazione sperimentale è stato il primo evento post quarantena autorizzato dalla FIDAL, una gara “a cronometro”, pioniera di una nuova modalità di fare gare in questa fase storica, in cui si è impossibilitati a correre insieme.

Gli atleti infatti, dotati di microchip collegato a un sistema di rilevamento satellitare GPS, sono partiti in fasce orarie diverse ogni 20 minuti così da evitare affolamenti sul percorso.

Il percorso

Partenza da Antrosano, nel Piazzale antistante la chiesa dell’Immacolata Concezione, per poi proseguire in direzione Nord verso “Fonte Malazzano”, entrare nel bosco e salire fino ad arrivare alle rovine del Castello Orsini in “Colle San Nicola”.

Dopo un dislivello di 356 metri in 5km gli atleti sono passati all’interno della Casa Imperiale, sulla storica via del Miliario per proseguire dentro l’anfiteatro di Alba Fucens, all’interno del quale la fatica è stata ricompensata dallo spettacolo archeologico edificato nel 38 d.c. dall’imperatore Romano Tiberio. Tratto finale in discesa per tornare al punto di partenza.

Il percorso era presidiato dal personale dell’organizzazione e guidato con bandierine rosse e segnaletica direzionale posta agli incroci.

Entusiasti tutti gli atleti che, giunti da tutta la Regione Abruzzo, dopo l’arrivo, hanno avuto l’opportunità di visitare i meravigliosi scavi archeologici delle rovine romane.

Soddisfazione immensa è stata espressa dagli organizzatori e dai dirigenti dell’USA Sporting Club Avezzano, storica società di atletica marsicana.

“Un ringraziamento particolare va alla Sovraintendente dei Beni Culturali Dottoressa Emanuela Ceccaroni commentano i dirigenti– con entusiasmo e senza esitare un istante, ha dato la possibilità di ritagliare parte del percorso tra le rovine della Domus Romana, consentendoci di far vivere agli atleti emozioni indescrivibili, valorizzando il territorio Marsicano”.

Nella manifestazione si è imposto il mezzofondista aquilano Matteo Rossi dell’ Atletica Gran Sasso, che ha impiegato 43’51”, secondo Mirko Fantozzi (USA Avezzano) 46’31”, terzo Eugenio Taricone (Passologico Pescara) 49’54”. La classifica femminile ha visto in prima posizione Daniela Leonardi (USA Avezzano), 12^ assoluta in 1h 00’18”, davanti a Moira Franchi (USA Avezzano) seconda in 1h 00’59” e ad Erica Croce (Runners Chieti) terza in 1h 14’00”.

55 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *