Carabinieri L’Aquila. Operazione “Pasqua in Bianco”. Se persone arrestate e una all’obbligo di dimora per spaccio di cocaina

L’AQUILA – A partire dal primo pomeriggio di ieri e sino alla mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di L’Aquila, hanno eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare, emesse dal Tribunale di L’Aquila, nei confronti di quattro cittadini stranieri e di una cittadina italiana, tutti ritenuti responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina.

Le due misure cautelari, emesse dal Tribunale di L’Aquila a firma del GIP,  Dottoressa Guendalina Buccella, sono il risultato di un’attività di indagine coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di L’Aquila Dottor Stefano Gallo e condotta dai Carabinieri della Sezione Operativa del Nucleo Radiomobile della Compagnia di L’Aquila.

L’indagine ha avuto inizio nel mese di novembre del 2019, periodo in cui, i Carabinieri hanno monitorato gli spostamenti e le attività delittuose commesse dagli indagati. Nel corso dell’indagine, gli operanti sono riusciti a raccogliere e documentare inequivocabili elementi di colpevolezza a carico dei predetti, tutti responsabili di numerose cessioni di cocaina in favore di cittadini aquilani. Lo spaccio della sostanza avveniva in diverse zone del capoluogo tra le quali Preturo, Coppito e Pianola. Nella maggior parte delle occasioni, gli appuntamenti tra spacciatori e acquirenti avvenivano mediante l’uso dei social network. Nel corso dell’operazione, durante le perquisizioni domiciliari sono stati sottoposti a sequestro complessivamente: 50 grammi di cocaina confezionata in dosi pronte per lo spaccio, mezzo chilogrammo di hashish, due bilancini di precisione, vario materiale per il confezionamento delle dosi e più di € 2.000,00 in contanti, in banconote di vario taglio.  Lo stupefacente, venduto al dettaglio, avrebbe fruttato diverse migliaia di euro.

Gli arrestati sono tutti ristretti presso la Casa Circondariale “Le Costarelle” di L’Aquila ad eccezione della cittadina aquilana sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di dimora e dell’obbligo di presentazione alla P.G.. Inoltre, nel corso della  mattinata, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino macedone, responsabile di spaccio e detenzione di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Nella circostanza i militari, dopo aver documentato alcune cessioni di cocaina, hanno proceduto alla perquisizione personale del soggetto  rinvenendo, occultate sulla sua persona, 17 dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina e la somma di 720 euro. Il denaro e la droga sono stati sequestrati, mentre l’arrestato tradotto presso la casa circondariale di L’Aquila, ove rimarrà ristretto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Una particolarità:  gli  arrestati e gli acquirenti, negli spostamenti per strada, in questo periodo indossavano  le mascherine di protezione. Le operazioni sono tutte inquadrate in una più ampia attività di contrasto dei reati in materia di stupefacenti disposta  dal Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila e dimostra come l’attività di spaccio non si sia fermata neanche dinanzi alle misure d contenimento e controllo messe in atto per l’emergenza Covid19, che vedono poche persone per strada e molti controlli.

2 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *