Vertenza manutentori Asl. Nulla di nuovo dal Prefetto

AVEZZANO – Vertenza manutentori delle strutture sanitarie della Asl1, nessun passo avanti nell’incontro svoltosi in Prefettura a L’Aquila.

Posti a rischio e spettanze bloccate ancora adesso per i lavoratori della ditta che ha appaltato i lavori di manutenzione di ospedali e presidi della Asl aquilomarsopeligna, nonostante lo stato di agitazione e l’intervento del Prefetto.

Nel confronto, infatti, sarebbe emerso come, davanti ad una situazione rappresentata sia dalla società, sia dai sindacati, la Asl1, non avrebbe mosso un solo passo per cercare di risolvere la situazione.

La Asl1 ha bloccato fatture per oltre 1 milione di euro

Cinzia Torraco Prefetto L’Aquila

«Durante l’incontro – dicono i rappresentanti di Cgil-Cisl-Uil – , è emerso che la Asl1 ha richiesto questi servizi straordinari extra canone, dovuti al Covid, per un importo preventivato e fatturato di circa 1.800.000 €.

La Asl1 ha dichiarato che tali servizi sono stati effettivamente resi, nella maniera richiesta, senza che sia stata mai contestata alcuna anomalia rispetto allo svolgimento di tale servizio.

È emerso inoltre – proseguono i sindacati – che sarebbero state bloccate dalla Asl1 e contestate, ulteriori fatture per un importo complessivo di 1.200.000 €, riferite al servizio ordinario, per il medesimo arco temporale.

La ditta avanza oltre 3 milioni di credito dalla Asl1

A fronte di un ammontare complessivo di circa 3.000.000 € di credito vantato dalla Diemme scarl, la Asl1 ha dato la propria disponibilità di mettere a disposizione solamente circa il 10% della somma totale – denunciano i sindacalisti – , al fine della liquidazione dei crediti dei lavoratori, cifra oggettivamente insufficiente a soddisfare il credito di tutti i lavoratori».

Dal canto suo, comunque, la ditta appaltatrice ha dato al sua disponibilità a liquidare le spettanze a tutti i lavoratori, non appena la Asl1, da parte sua, sbloccherà e some ora, invece, soggetto a blocco.

«Auspichiamo che, nello spirito di una doverosa collaborazione – concludono i sindacalisti di Filcams Cgil, Luigi Antonetti – Fisascat Cisl, Alessandra Salustri – Uiltrasporti, Primo Cipriani – , seguendo i principi della buona fede, nell’interesse dei lavoratori e del servizio, ognuna delle parti coinvolte possa fare un passo avanti per la risoluzione della vertenza.

Nella giornata di lunedì è prevista la convocazione dell’assemblea dei lavoratori per illustrare i contenuti dell’incontro e non si esclude, in tale sede, di intraprendere eventuali ulteriori azioni di lotta sindacale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.