Al Museo delle Genti d’Abruzzo prosegue la mostra di Giuseppe Muzii

Andrà avanti fino al 7 agosto la mostra personale di Giuseppe Muzii presso le sale espositive del Museo delle Genti d’Abruzzo a Pescara.

Il successo dell’iniziativa ha spinto gli organizzatori a prorogare, rispetto ai tempi prima dati, di alcuni giorni la chiusura così come giustamente afferma la direttrice che, nel prosieguo dell’esposizione, conferma l’intenzione di continuare a valorizzare le potenzialità artistiche degli artisti del territorio, soprattutto quelli che, proprio come Giuseppe Muzii, hanno trovato posto in importanti collezioni private.

Le sue tele, in cui il mare e le sue cose la fanno da protagonisti, possiedo colori forti e intensi che permettono di cogliere la realtà in una nuova dimensione che, ad un tempo, resta fedele a se stessa pur nella rielaborazione che ne produce l’artista.

Realizzati con tecnica mista e con uso di oggetti – “un pezzo di ferro, un chiodo torto, una scheggia, un truciolo, un pezzo di fune, una scatola di latta vuota” – giunti dal mare e da esso quasi lasciati sulla riva affinché l’artista possa farli tornare a vivere, i suoi lavori comunicano evidente e potente un messaggio: difendere la natura, conservare, recuperare, riusare affinché sia recuperato “il senso originario dell’invenzione, da invenire, trovare”.

L’artista vastese vive da sempre il mare come una parte di sé e attinge dal suo Adriatico materiali, i più disparati, che le sue ispirazioni ricombinano secondo una sensibilità che sempre cerca “la vicinanza” con le loro origini.

(I corsivi da Luigi Murolo – stralcio da www.percorsid’arte.it – maggio 2007/gennaio 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.