La solidarietà e l’accoglienza non devono avere confini e distinguo

Ieri mattina l’Amministrazione comunale aperto le porte del Comune a un gruppo di donne e bambini, accompagnati dalla dottoressa Dina Baliva e dalla preziosa madrelingua Oksana Domina, provenienti da Chernobyl e fuggiti dalla guerra. Tutto quello che è nelle facoltà e nelle possibilità dell’amministrazione comunale, secondo i dettami ministeriali, sarà fatto per aiutare tutti gli esuli. 

L’incontro è servito anche per fare chiarezza e ordine sulle modalità di aiuto, per evitare nella maniera più assoluta confusione, che non gioverebbe all’aiuto stesso.

Per coloro che intendono offrire ospitalità, infatti, sarà necessario trasmettere i dati degli esuli agli uffici di Polizia Locale; è stato messo a disposizione il nostro centro vaccinale per permettere a tutti gli esuli di fare tamponi e vaccini antiCovid-19 ed altri eventuali vaccini per i bambini; è stato attivato il Centro Operativo Comunale per eventuali emergenze ed esigenze raggiungibile al numero 3292986178; è stata attivata un’apposita casella di posta elettronica dedicata ad eventuali comunicazioni:emergenzaucraina@comune.celano.aq.it; nei prossimi giorni verrà aperto un conto corrente dedicato per effettuare le donazioni per dare sostegno ad altri esuli che arriveranno nella nostra città; per quanto riguarda la raccolta di beni di prima necessità come alimenti a lunga conservazione e vestiario, dovranno essere consegnati nella sede della Protezione Civile di Celano presso la struttura di Padre Semeria in Piazza Vaschette, dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18; il vestiario, nel rispetto delle norme anticovid 19, dovrà essere consegnato già igienizzato e confezionato;di concerto con la dirigenza scolastica verranno accolti tutti gli esuli in età scolare dando loro tutto il sostegno e l’accompagnamento necessario a livello istruttivo, oltre a eventuale supporto linguistico e psicologico; di intesa con le associazioni sportive, verrà data la possibilità di svolgere attività ludico e ricreative; dalla settimana prossima verranno predisposti con tempi adeguati ambienti idonei per ospitare in via emergenziale gli esuli che non dovessero trovare dimora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.