Le comunità di Magliano de’ Marsi e di Rosciolo ricordano il 75esimo anniversario della morte del seminarista Edgard Liebfried

ROSCIOLO DEI MARSI– Nella giornata di oggi le comunità di Magliano e di Rosciolo hanno ricordato, con una toccante cerimonia, il 75esimo anniversario della morte del giovane seminarista lussemburghese Edgard Liebfried morto sul Velino.

In foto: Il ricordino di Padre Edgard Liebfried
(Foto Americo Tangredi)

Nella mattinata un gruppo di rappresentati del Pontificio Collegio Germanico-Ungarico capitantati dal rettore P. Gernot Wisser SJ e dal P. Ministro Norbert Frejek SJ sono venuti nel borgo autentico di Rosciolo per visita al paese e per ripercorrere i passi del seminarista morto 75 anni fa. Nella mattinata i rappresentanti del Collegio Germanico-Ungarico hanno potuto osservare le antiche vestigia della chiesa di Santa Maria in Valle Porlcaneta.

Viceversa, nel primo pomeriggio, all’interno della chiesa parrocchiale di Santa Maria delle Grazie è stata celebrata dal rettore Gernot Wisser SJ e concelebrata dagli altri membri del Collegio una Santa Messa in suffragio del giovane seminarista.

In foto: Attimi della Celebrazione
(Foto Americo Tangredi)

Alla funzione erano presenti il primo cittadino di Magliano Pasqualino Di Cristofano, i membri del consiglio comunale, le autorità militari, il mondo associazionistico (GEV, Misericordia di Magliano, Gruppo Alpini, Protezione Civile e le Pro Loco di Magliano e di Rosciolo) ed il popolo di Dio di Rosciolo molto legato al giovane morto sul Velino.

Alla fine della Celebrazione Eucaristica, Padre Francesco Tiberi viceparroco di Rosciolo ha racconta il suo ricordo del momento di sconforto successivo alla notizia della scomparsa di Edgard. Successivamente c’è stato il saluto del sindaco di Magliano con un particolare ringraziamento ai membri del Pontificio Collegio Germanico Ungarico. “Il nostro caro Edgard” così lo sottolinea il Primo Cittadino di Magliano ricordando tale figura: inoltre, ricorda di come l’esempio, ma soprattutto il ricordo, di Edgrad sia ancora vivo e vitale all’interno delle due comunità (Magliano e Rosciolo).

Prima di concludere il suo saluto, il sindao Di Cristofano annuncia un progetto per la realizzazione di una struttura alle pendici del Velino (zona Santa Maria in Valle Porclaneta) come luogo di assistenza da dedicare alla figura di Edgard.

Dopo il saluto del sindaco di Magliano c’è stato quello di Padre Gernot Wisser SJ rettore del Collegio, che ringrazia sia per la colorosa accoglienza da parte di Rosciolo e sia per il ricordo, vivo, che la comunità nutre nei confronti di “padre Edgard”.

Successivamentei ai saluti ci sono stati due brevi interventi: il primo di Ercole Wild sulla storia della Croce di Edgard e Filiberto Ciaglia sulle prime escursioni sul Velino. Il momento riflessivo – condotto dall’assessore Antonio Marini- si è concluso con la consegna di alcune targhe di ricordo per i membri del Pontificio Collegio Germanico-Ungarico e per gli eredi dell’artista di Rosciolo che ha realizzato la famosa “Croce di Edgard”.

E ci piace concludere con le parole tratte dal capitolo 11 versetti 25,26 del Vangelo di Giovanni: “Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà;chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno”. Con la speranza che Padre Edgard ci protegga sempre dall’Alto dei Cieli.