Ordinanza “svuota ospedali” firmata da Marsilio, D’Amario e Verì. Pazienti Covid non gravi nelle cliniche private

Ambulanze in fila al Pronto soccorso di Avezzano la notte scorsa

AVEZZANO – Non ci sono posti letto negli ospedali pubblici? Basta poco che ‘ce vò, avrebbe detto Giobbe Covatta. E lo ha fatto anche il terzetto Marsilio-Verì-D’Amario.

I pazienti Covid non gravi, quelli in soldoni che non necessitano di terapia intensiva o subintensiva, possono essere trasferiti nelle ciniche private convenzionate accreditate, lì dove si abbia la necessità di liberare posti letto.

Praticamente in tutta la regione, visto che gli ospedali sono pieni a prescindere dal Covid.

L’ordinanza, la numero 3 del 2022, è stata firmata in serata ed è immediatamente esecutiva.

Insomma, le Asl abruzzesi dovranno verificare i tassi di occupazione dei posti letto negli ospedali pubblici, dove ci sia carenza, e autorizzare i trasferimenti di pazienti nelle cliniche private del territorio.

I pagamenti di queste prestazioni dovranno essere ricompresi nei limiti di spesa e le Asl dovranno comunque assicurare i parametri assistenziali ai pazienti.

Insomma, dopo i pazienti Covid in alta montagna (ricorderete le strutture “d’altura” per la quarantena post infezione dello scorso anno), gli ospedali Covid e le terapie intensive cresciute alla velocità dei funghi, ora siamo al “paziente Covid on the road”.

Speriamo che passi, presto, il più presto possibile…

L’ordinanza n. 3/2022 della Regione Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.