Riqualificazione del Palazzo Torlonia di Avezzano. Lunedì la firma in municipio

AVEZZANO – Villa e Parco Torlonia, via ai lavori di restyling. Lunedì 31 gennaio la firma ufficiale per la valorizzazione dei pezzi pregiati dell’ex Arssa, ovvero il Palazzo del Principe Torlonia e i due Granai.

L’operazione prevede il rifacimento del tetto del Palazzo e dell’area esterna, nonché la realizzazione del Museo archelogico del Fucino, in uno dei due granai, e, nell’altro, il trasferimento dell’Archivio di Stato.

Dopo quasi cinque anni finalmente si può partire con la fase operativa

Nel progetto c’è anche la riqualificazione dei viali e delle aree verdi e l’illuminazione: si punta alla conclusione entro il 2023, con tempi di realizzazione fissati in 570 giorni.

Una nuova veste per un’area storica cruciale per capacità attrattiva e valore identitario che segna la svolta di un lungo iter amministrativo partito con la prima amministrazione Di Pangrazio.

Nella primavera del 2017, infatti, il Comune  diede il via alla gara per la progettazione, con finanziamenti che derivavano da fondi Cipe, confluiti nel Masterplan targato giunta D’Alfonso. 

Ottenuto anche un risparmio di 800mila euro che l’Amministrazione vuole utilizzare per l’interconnessione delle sue strutture

Aggiudicatario dei lavori il Consorzio Conart Scarl di Artena che ha vinto con ribasso d’asta del 24,893%: “un tesoretto” di quasi 800 mila euro che torneranno in Regione ma che l’Amministrazione vorrebbe, almeno in parte, riutilizzare.

Dai 3.681.379 euro del Progetto esecutivo, si è arrivati infatti a 2.823.798 a seguito della gara d’appalto e, dal Municipio, si punta ad utilizzare le economie tornate all’ente proprietario, concentrandole sul completamento degli arredi dell’archivio.

Ma l’obiettivo della partnership con la Regione Abruzzo è molto più ambizioso e guarda ai fondi del Pnrr.

L’assessore Cipollone: «Progetto rilevante per la città e confidiamo di fare di più con la governance della regione con i fondi Pnrr»

«La riqualificazione di quei tre pezzi di storia del complesso ex Arssa – afferma l’assessore ai lavori pubblici, Emilio Cipollone – segna un importante passo in avanti verso la nuova scommessa di dar vita al parco urbano più grande d’Abruzzo.

Il progetto passa attraverso l’interconnessione del complesso ex Arssa con piazza Torlonia, l’ex Omni, il castello Orsini e la Collegiata di San Bartolomeo.

Emilio Cipollone

Il Comune ha già stanziato dei fondi e avviato il nuovo progetto per le aree di proprietà, ma un’opportunità ben più rilevante è alle porte e confidiamo nella governance della Regione, Ente proprietario del complesso ex Arssa, che potrà presentare domanda».

Nel PNRR, infatti, è inserito un bando che prevede importanti finanziamenti proprio per giardini monumentali e storici soggetti a vincolo e sembra fatto ad hoc per aiutare la città di Avezzano a completare le zone del parco e alcuni edifici, esclusi dal precedente intervento e andare nella direzione di un’unica area verde a valenza storica: quella che è il desiderio di ogni concittadino e il traguardo ambizioso della giunta comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.