Piazza del Mercato di Avezzano. Prosegue la lite fra Dipangraziani e Deangelisiani, fra chi ha fatto e chi non lo ha impedito…

AVEZZANO – Va avanti la lite, sempre più stucchevole e noiosa a dire il vero, fra Deangelisiani e Dipangraziani sulla questione di Piazza del Mercato.

Dopo la nota della maggioranza che evidenziava presunte pecche evidenziate dalla Commissione Vigilanza, la risposta dell’Opposizione che ha affermato che la maggioranza avrebbe modificato la realtà e fatto dire a tecnico e Commissione cose che non avrebbero né scritto, né pronunciato, arriva a controreplica della maggioranza sempre per bocca dei tre “Super Dipangraziani”, i consiglieri Gianluca Presutti, Roberto Verdecchia e Ignazio Iucci.

Ma senza indugiare oltre , ecco l’ennesima nota dei tre consiglieri: «Globalmente – sottolineano i consiglieri di maggioranza in risposta all’opposizione, fatta eccezione di Iride Cosimati – apportare i correttivi per portare al completamento il progetto costerà alla comunità avezzanese 122 mila euro in più rispetto all’appalto iniziale di 340mila. Alla fine la nuova piazza del Mercato, dove gli splendidi platani sono stati sostituiti da alberi in ferro, graverà sulle casse comunali per quasi mezzo milione di euro. Il tutto, al di là delle giravolte della minoranza, è messo nero su bianco nella relazione dei tecnici. E’ paradossale, comunque, che qualche consigliere di minoranza, che nel corso della stessa commissione ha addirittura ipotizzato la responsabilità personale di chi aveva reso necessario l’ulteriore esborso economico, ora sia passato, per mero opportunismo politico, alla difesa d’ufficio. Nel documento vagliato in commissione di vigilanza il responsabile unico di procedimento ha messo le criticità nero su bianco, con in testa la copertura in  vetro senza previsione di spese per la pulizia (che avrebbe comportato un esborso annuo di 100 mila euro, più Iva), la pavimentazione con betonella non idonea a sopportare il peso dei mezzi e altro ancora. Questi sono i fatti – concludono i consiglieri di maggioranza – certificati in atti ufficiali dell’Ente, il resto sono chiacchiere in libertà. L’operazione restyling, che rispetto al progetto iniziale ha subito notevoli modifiche in corso d’opera,  dovrebbe arrivare alla meta entro fine estate».

Due note di servizio e una considerazione.

  1. Su questo tema daremo all’opposizione consiliare al Comune di Avezzano, per rispetto e parità di trattamento, una nuova occasione di replica con il dovuto spazio;
  2. Non tratteremo più questa vicenda che ribadiamo divenuta a nostro avviso noiosa e stucchevole.

Per quanto concerne la considerazione, riteniamo che ormai il danno al patrimonio arboreo della città sia stato fatto, nonché quello al legame con la storia della città e di questi luoghi. Quindi sarebbe il caso superare questo inutile step, e cercare a questo punto di finire i lavori, per brutti che possano essere considerati, e a nostro avviso lo sono modifiche o meno, e restituire quel pezzo di città alle persone. Per il resto crediamo di poter citare traquillamente il grande poeta e cantautore Fabrizio de André: «Per quanto voi vi crediate assolti – Siete per sempre coinvolti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.