Corcumello. Insorgono i residenti:”Ora basta, referendum per cambiare comune”.

Corcumello– Una situazione insostenibile per la frazione di Corcumello, Comune di Capistrello, che ha portato i residenti a pensare ad un referendum popolare tra gli abitanti per verificare la volontà di un passaggio a Tagliacozzo del territorio del borgo.

Insorgono le polemiche sui social network, alla luce dei numerosi disagi dovuti alla scarsità di disponibilità d’acqua corrente e allo stato di abbandono della Villa Comunale, che costantemente viene paragonata alle Piazze di Capistrello, oggetto di un recente ed importante piano di rivalutazione urbana.

Corcumello è un Borgo Medievale che conta circa 200 residenti stabili con centinaia di turisti che ogni estate invadono il paese per trascorrere le vacanze in tranquillità, lontano dal caos, tra la storia e la natura.

Corcumello visto dall’alto.

Il borgo, in passato, ebbe un ruolo di primo piano nella zona, persino la battaglia dei Piani Palentini, secondo fonti accreditate e studi recenti sembra si sia svolta nei terreni immediatamente ai piedi del Borgo. Importanza testimoniata anche dai resti della Basilica Benedettina, la chiesa di San Lorenzo con affreschi rinascimentali, della chiesa di San Nicola, dall’imponenza del palazzo-castello Veroli-De Pontibus, le quattro porte di accesso, di cui rimane ben visibile porta Cancello, le torri cilindriche quattrocentesche, l’acquedotto dell’Arunzo realizzato nel 40 d.C., il chiostro con Belvedere sui Piani Palentini i vicoli fra costruzioni e piazzette caratteristiche.

I continui disagi hanno fatto sì che, un comitato spontaneo per la valorizzazione del borgo, abbia invitato l’ amministrazione comunale ad intervenire e sciogliere qualche nodo intrecciato da tempo, investendo nel borgo, per portarlo ad essere il motore turistico del territorio.

108 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *